Lo spirito della pianta di Tulsi

tulsi plant“In un angolo del giardino,  la pianta di tulsi davanti alla quale mormoravi preghiere…”: all’incirca così Sashi Despande, in “Il buio non nasconde paure”,  dispiega i primi ricordi che la protagonista del romanzo ha della madre, intenta a pregare ogni sera davanti a questa pianta. Negli stessi giorni in cui leggevo il romanzo della Despande preparavo le schede informative della nuova tisana Ayurvethica, la Malabar, di cui il Tulsi è il secondo ingrediente. Un intreccio casuale che mi ha spinto a cercare altre notizie, storie, incroci. Il primo è botanico: il tulsi è un tipo di basilico, fa parte infatti della famiglia delle Labiatae, come la pianta che cresce in tanti nostri orti. Anche in India viene coltivato ma nei giardini  e negli orti dei templi, perchè è una pianta considerata sacra: le donne la onorano accendendole a fianco una piccola luce, innaffiarla e coltivarla protegge e porta felicità. Le foglie di tulsi vengono offerte aVishnu nel mese di Kartik (novembre), perchè la storia della pianta è profondamente legata al dio. Tulsi è  un sinonimo di Vrinda,  la cui storia è narrata nel Padma Purana: sposa del demone Jalandhar, fatto uccidere da Shiva perchè divenuto troppo potente, si immolò sulla pira del marito. Vishnu trasformò la sua anima nella piccola e profumata pianta del Tulsi e nella successiva reincarnazione sposò la ragazza.  Tulsi Vivah  è il rito con cui si ricorda questo matrimonio, celebrato solitamente nel mese di novembre (Kartik): segna la fine dei monsoni e l’inizio del periodo dei matrimoni. Una pianta sorprendente, con uno spirito molto femminile, che porta speranza e nuova vita, anche se in una forma diversa. Una storia da ricordare e raccontare, bevendo una delle tante tisane ayurvethica che la contengono e che beneficiano delle sue proprietà balsamiche, toniche e adattogene* (un dono di Vishnu?)

*adattogeni sono quegli agenti naturali in grado di aumentare la resistenza e la capacità di adattamento dell’organismo agli stress e alle condizioni sfavorevoli di qualunque origine.

Alle novità di Ayurvethica è dedicata anche la nuova altraQnews del 2novembre

3 Commenti »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


3 Risposte a “Lo spirito della pianta di Tulsi”

  1. 1

    Emanuela (C'è un mondo) dice:

    Ciao ragazzi era da un po’ che non leggevo il blog… che bella questa storia legata al tulsi!!
    Credo proprio che la racconteremo anche noi in bottega.

  2. 2

    Raffaella (eticomondo) dice:

    Ciao! Quando ritorneranno in assortimento le tisane?

  3. 3

    admin dice:

    Ciao Raffaella, nel corso del 2010 abbiamo lavorato con i produttori per rinnovare la linea e i prodotti di Ayurvethica. La nuova produzione sarà completata nel corso del 2011 e arriverà tra metà e fine aprile, salvo intoppi!

Lascia un commento




Il tuo commento: