Davvero serve un commercio più equo?

Il commercio equo in Italia ha superato i 25 anni di età, molti lo conoscono, diversi vi si identificano. Ma se ne sente veramente il bisogno? Serve ai produttori? Serve ai consumatori? Influisce sulle regole che strutturano il nostro sistema economico? Influisce sui comportamenti dei consumatori?

Vogliamo riflettere su questi temi giovedì 28 giugno 2012 alle ore 18.00 presso il Camelot cafè – Parco Urbano G. Bassani

Ne parleranno:

Monica di Sisto: giornalista sociale ed esperta di commercio internazionale ed autrice del libro “Un commercio più equo, un ‘piccolo potere da prendere sul serio’. La scommessa del fair trade italiano raccontata in prima persona plurale” (Ed. Altraeconomia).

Marco di Tommaso: Docente ordinario di “Economia e Politica Industriale” ed “Economia e Politica dello Sviluppo” presso la facoltà di Economia e Commercio, dell’ Università di Ferrara e membro dell’Unita Tecnico-Scientifica del Ministero degli Esteri che supporta le attività del Tavolo intergovernativo Italia-Cina.

David Cambioli: Presidente di altraQualità cooperativa di commercio equo e solidale di Ferrara e consigliere AGICES (Assemblea generale Italiana del Commercio Equo e Solidale).

A seguire un rinfresco a base di prodotti del commercio equo

(In caso di maltempo l’incontro si svolgerà presso la sede di altraQualità

in via Caselli 11/2)

2 Commenti »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


2 Risposte a “Davvero serve un commercio più equo?”

  1. 1

    Linda (Ceunmondo) dice:

    Che bell’incontro. C’è qualche registrazione o filmato per riascoltarlo?

  2. 2

    admin dice:

    macchè Linda…ho solo le foto, purtroppo! la prossima volta documenteremo meglio!

Lascia un commento




Il tuo commento: