E’ arrivata l’estate! (o almeno la nuova collezione)

abbigliamento equo solidale“Gli argini di fango del paese delle maree hanno preso forma non solo da fiumi di limo, ma anche da fiumi di lingue: bengali, inglese, arabo, hindi, arcanese e chissà quante altre. Affluendo una nell’altra creano grappoli di piccoli mondi appesi alla corrente. La fede del paese delle maree è come le sue grandi mohona, non solo un incrocio di molti fiumi, ma anche una rotatoria che offre alle persone una pluralità di direzioni, verso paesi diversi, e perfino diverse fedi e religioni”. (Il paese delle maree, Amitav Gosh)
“Il paese delle maree” ci ha ispirato per questa nuova collezione della linea di abbigliamento equo solidale Trame di storie e per ricordarlo abbiamo dato ad ogni capo un nome che proviene dalla geografia fisica o umana del romanzo Il Paese delle maree. Sul mare si affacciano entrambi i paesi da cui provengono quest’anno gli abiti della collezione e dell’acqua hanno preso la fluidità, l’eleganza e la freschezza.
Femminili ed eleganti, con tagli classici come l’intramontabile tubino, ma rivisti con ricami e tessuti originali lavorati con sapienza artigianale: sono gli abiti, le gonne i top e i pantaloni realizzati da Ayesha Abed Foundation (Bangladesh). Cotone ed endi cotton (un tessuto tipico del Bangladesh creato intrecciando al telaio seta e cotone) lavorati a mano, creano in ogni capo un risultato unico per filato, colore e decorazioni. I ricami Nakshi Kanta sottolineano le forme e impreziosiscono scolli, giromanica e tasche.
Cotone, seta, lino, puri o intrecciati tra di loro a formare trame
leggere e freschissime: così Craftlink (Vietnam) propone vestiti, camice, giacche, pantaloni, gonne e casacche dai tagli semplici e lineari, che valorizzano morbidamente il portamento di chi li indossa.

Trame di storie – Collection movie primavera – estate 2012

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento




Il tuo commento: