Archivio per la categoria 'prezzi trasparenti'

Il primo semestre 2018 in prezzi trasparenti


Questo primo semestre è stato per noi molto intenso: abbiamo lavorato duramente per allargare le nostre proposte con linee di prodotti innovative, originali, particolari per design, motivi decorativi, funzione, provenienza, come le borse mare dall’India, i le ciotole in vetro dall’Egitto, i teli mare dalla Tunisia, la linea PL&U, e altre novità che presto vedrete. Il nostro è un lavoro di ricerca continuo che affrontiamo sia durante i viaggi missione, dove cerchiamo di visitare sempre nuove realtà produttive, sia durante le fiere di artigianato internazionali dove possiamo incontrare produttori di paesi in cui ancora non abbiamo contatti.
Testimoni di queste relazioni sono i prodotti arrivati raccontati anche attraverso i loro prezzi trasparenti, alcuni dei quali, i più rappresentativi, vi proponiamo di seguito, da scaricare e tenere in bottega.
ask-cesto-hogla-febbraio2018
prokretee-cesto-portabiancheria-febbraio2018
Sapia-collana-enlace-marzo2018
ecuilibriodiseno-orecchini-arauca-marzo2018
sapia-portafoglipelle-marzo2018
craftbeauty-borsa-messenger-cactus-marzo2018
craftlink-ciotola-cocco-gialla-fiori-marzo2018
craftlink-tazza-marzo2018
glasstyle-ciotolavetro-aprile2018
lartisan-telo-mare-aprile2018
noahsark-cornice-aprile2018

La nuova collezione PE Trame di Storie

La nuova collezione Primavera-Estate 2018 Trame di Storie è un giocoso caleidoscopio di texture, pattern, linee e colori: abbiamo voluto costruirla alternando tessuti più strutturati come il cotone in varie lavorazioni (jaquard e stampe) a tessuti leggeri come quelli creati dagli intrecci di seta+lino e seta+cotone che esprimono molteplici sfumature cangianti e si modellano in mille pieghe fluide e avvolgenti. I nuovi tessuti di Artisan Hut (scopri come è nata questa collaborazione), lavorati interamente al telaio manuale, sono due tipologie di jacquard: uno a motivo geometrico con rombi in bianco e nero e l’altro a pois fucsia su sfondo color tabacco.
Con il jaquard di Artisan Hut abbiamo ulteriormente lavorato tingendo il filo a tie-dye prima ancora della tessitura ottenendo un originale motivo a contrasto, contraddistinto da righe alternate e sfumate.
La leggerezza del cotone garzato ha un alleato nella stampa a disegno cachemire, motivo leggendario, le cui origini risalgono all’impero persiano. Il suggestivo pattern a forma di goccia ritorta, mango, foglia stilizzata o palma, ha attraversato i secoli e gli oceani, arricchendosi ogni volta di intarsi e ancora oggi evoca mondi lontani, portando con sé, insieme al suo misterioso significato, un’inequivocabile profumo d’India.

I PREZZI TRASPARENTI:
ArtisanHut-vestito-marzo2018
Craftlink-top-marzo2018
Auromira-top-marzo2018

La nuova collezione t-shirt primavera – estate 2018

t-shirt primavera estate 2018

Un’altra estate, un’altra bella collaborazione con Pace e Sviluppo, storica cooperativa trevigiana di commercio equo, per la nuova collezione di t-shirt per la primavera-estate.

Le caratteristiche tecniche
Tutte le t-shirt sono in jersey di puro cotone al 100%, certificato biologico e Fairtrade. Abbiamo scelto questo tipo di jersey perchè è morbido e leggermente elastico, pur non avendo elastan nella composizione, inoltre mantiene la forma e la lucentezza dei colori anche dopo molti lavaggi.
I modelli sono 4: unisex, bimbo e 2 varianti donna.
Le t-shirt unisex e bimbo sono le classiche con girocollo e manica corta. Per le t-shirt donna abbiamo scelto un modello dalla linea morbida con collo a barchetta e un altro sfiancato, con girocollo.

Le stampe – Il concept
Anche quest’anno, come per ogni collezione abbiamo voluto che le t-shirt portassero con sè un messaggio e abbiamo scelto il mondo delle favole come luogo di significati importanti. Le favole, infatti, sono narrazioni che racchiudono elementi universali, perchè usate dall’uomo, fin dalla notte dei tempi, per trasmettere quelle conoscenze indispensabili per sopravvivere a contatto con animali pericolosi, spazi inesplorati e oscuri, fenomeni naturali. E in un mondo complesso come il nostro, dove gli spazi bui sono più metaforici che fisici, le favole ancora hanno un compito importante da svolgere. Paure, stereotipi, diffidenze che si trasformano nell’incapacità di vedere e accogliere l’altro, o di andare a fondo nella conoscenza di se stessi: davanti a queste prove le favole possono proporre punti di vista inediti e aiutarci a superare i pregiudizi. Parole da favola, la nostra nuova collezione di t-shirt, porta quindi con sè messaggi come questi: “Le fiabe insegnano che i draghi si possono sconfiggere”, “Il lupo sarà sempre cattivo se ascoltiamo solo Cappuccetto Rosso”, “Non puoi vivere una favola se ti manca il coraggio di entrare nel bosco”. Parole da indossare e ricordare affinchè diventino come i sassolini bianchi di Pollicino uno strumento per ritrovare la strada di casa di notte, nel bosco.
Anche le t-shirt per i più piccoli vogliono essere portatrici di un messaggio positivo e raccontare un mondo bello, dove i colori vivaci rappresentano le emozioni pulite e intense con cui i bambini vivono le loro prime esperienze di relazione: le immagini fiabesche di buffi animali parlano ai bimbi dell’amicizia, sentimento che rende unici, grandi e forti, al di là di ogni differenza.

I produttori

Tutte le t-shirt sono realizzate da Armstrong Knitting Mills (India), un’azienda tessile che ha fatto della sostenibilità una scelta di sostanza: lavora esclusivamente cotone biologico, in gran parte certificato Fairtrade, è completamente autonoma dal punto di vista energetico poichè utilizza un impianto eolico e, attraverso un sistema di depurazione interno, ricicla tutta l’acqua necessaria per il processo di tintura. Anche noi contribuiamo alla loro sostenibilità: abbiamo infatti trasferito tutte le fasi di lavorazione (stampa compresa) presso Armstrong, in questo modo abbiamo alzato la loro quota sul prezzo complessivo della maglietta e allo stesso tempo, importando il prodotto finito, abbiamo abbassato i costi di movimentazione e di trasporto delle t-shirt, quindi il costo finale. Più contento chi produce, più contento chi acquista: non è perfetto?
Guarda le foto della produzione, scattate da Marcella proprio in questi giorni in visita da Armstrong

Il prezzo trasparente
Scarica il prezzo trasparente della t-shirt donna/unisex Armstrong-tshirtdonna-marzo2018 e quello della t-shirt bimbo: Armstrong-tshirtbimbo-marzo2018

Machines: gli uomini e le macchine in una fabbrica tessile del Gujarat

Dopo The true cost un altro film racconta i retroscena crudeli del sistema moda. Ai primi di agosto è infatti uscito Machines del regista indiano Rahul Jain che mostra la quotidianità in una fabbrica di tessuti nella regione del Gujarat degli operai che lavorano per 12 ore guadagnando l’equivalente di 3 dollari al giorno. Ne parliamo riprendendo un articolo del Guardian (che potete leggere per intero qui)
Le macchine del titolo sono i compagni d’acciaio e cemento degli operai, su cui è necessaria l’abilità delle mani umane per garantire che il colorante non goccioli, che il tessuto non si incastri, che il processo continui. Uomini e ragazzi mescolano metodicamente enormi recipienti di sostanze chimiche tossiche (senza guanti o maschere) e coloranti arancioni a mano, con la precisione degli chef di pasticceria. “Dio ci ha dato mani, quindi dobbiamo lavorare”, spiega uno dei molti operai senza nome del film. Si tratta di una produzione cinematografica esplicitamente politica, di denuncia e di richiesta, allo stesso tempo, di condizioni più dignitose, di una migliore retribuzione e ore ragionevoli. Il regista lascia parlare gli operai, anche quando il loro fatalismo diventa scomodo da testimoniare e sembrano quasi non vedere lo sfruttamento di cui sono vittime. “Non esistono altre opzioni”, dice un lavoratore a Jain. “La povertà è questa. Non c’è cura”. (-> trailer)

Noi pensiamo che la cura però ci possa essere e che provenga da un cambiamento radicale del sistema moda e delle filiere produttive. Un cambiamento possibile come testimonia il nostro progetto di abbigliamento etico Trame di Storie: un progetto che noi vogliamo raccontare in ogni passaggio, attraverso quello strumento così caratteristico del commercio equo che sono i prezzi trasparenti.
Qui vi proponiamo quelli di alcuni capi rappresentativi dell’ultima collezione: una maglia in cotone bio e un paio di pantaloni in velluto, entrambi realizzati in India. Qui invece trovate quelli di un capo in lana fatto dalle donne di Salinas, in Ecuador.

PREZZI TRASPARENTI MAGLIA SWEET E PANTALONI WOOD – COLLEZIONE TRAME DI STORIE AUTUNNO-INVERNO 2017-2018
Auromira-pantaloni-settembre2017
Assisigarments-maglia-settembre2017

Nuova collezione in lana e prezzo trasparente


Colore, morbidezza e originalità: sono le caratteristiche dei prodotti che compongono la linea in lana realizzata dalle donne di Salinas, in Ecuador.
La collezione comprende prevalentemente accessori, i cui colori sono stati studiati per essere anche coordinati e abbinati alla collezione abbigliamento: ecco un bellissimo mostarda, un brillante turchese, un elegante grigio cenere, oltre a melange di arancio, verde.
La linea è composta da berretti di varie fogge (basco, beanie, con pon pon, a forma di animale per i bambini), gloveletty, i guanti senza dita che coprono il polso, scaldacollo e un gilet dalla linea molto originale, che può essere portato aperto o chiuso da spilla.
Tutti i capi sono realizzati a mano dalle donne di Salinas, un paese dell’Ecuador occidentale, situato lungo la cordigliera delle Ande, ai piedi del vulcano Chimborazo. La lavorazione della lana è sviluppata prevalentemente dalle donne. L’Asociación de desarollo social de artesanos “Texal” è nata nel 1976 con l’obiettivo principale di costruire una prospettiva lavorativa per le donne disoccupate e analfabete. L’associazione utilizza materiali e tecniche tradizionali, creando maglioni, sciarpe e altre forme di artigianato tessile rispettose dell’ambiente e del lavoro femminile. La tracciabilità della filiera della lana è un altro degli aspetti importanti del
progetto: le pecore pascolano sui prati dei villaggi vicini, la loro lana viene filata alla filanda del paese, dove le donne la acquistano e la utilizzano per confezionare caldi capi di abbigliamento. Le donne creano anche cestini in paglia, raccogliendo sui prati l’erba dell’altopiano desertico andino, seccandola, ripulendola e infine intrecciano con l’ago e un’altra fibra vegetale, la cabuya, creando dei cestini resistenti e di qualità.
Queste opportunità lavorative per le donne altrimenti escluse dal mercato permettono loro di esprimere creatività e libertà al di fuori delle mura domestiche e di garantire un apporto economico alla famiglia offrendo momenti d’incontro e confronto in un ambiente rurale dove il ruolo della donna non è valorizzato.

SCARICA LA SCHEDA CON IL PREZZO TRASPARENTE
lana2018