Archivio per la categoria 'progetti di altraQualità'

Artesanias La Chamba e la ceramica nera


Artesanias La Chamba in 3 concetti chiave
organizzazione famigliare – materiali naturali (solo argilla naturale) – lavorazione a bassissimo impatto ambientale

Come collaboriamo con Artesanias La Chamba
Abbiamo conosciuto Artesanias La Chamba durante l’Expo Artesanias, una fiera dedicata alla produzione artigianale che si tiene ogni anno a Bogotà e che visitiamo abbastanza regolarmente dal 2005. Nel 2018 abbiamo incontrato Artesanias La Chamba e ci hanno subito colpito per la qualità dei prodotti realizzati solo con argilla naturale. Inoltre sono una piccolissima organizzazione a base familiare: vi lavorano 10 membri della famiglia la quale, in funzione degli ordini che riesce a raccogliere, cerca di integrare nella produzione artigiane/i appartenenti a altre cinque famiglie di colleghi e amici del paese.

Perché abbiamo scelto Artesanias La Chamba
Artesanias de La Chamba Tolima è una piccola impresa fondata e gestita dalla famiglia Torrijos 48 anni fa e produce manufatti in ceramica nera, tradizionale attività dell’omonimo villaggio adagiato sulle sponde del Rio Magdalena, in una valle che è uno dei centri nevralgici dello sviluppo delle culture indigene pre-colombiane. I 2000 abitanti del villaggio La Chamba sono discendenti diretti di queste popolazioni e da loro hanno ereditato la produzione della famosa ceramica nera. In un ambiente sub-tropicale in cui la vita scorre lenta, con una temperatura costantemente attorno ai 30 gradi almeno, le artigiane e gli artigiani, da secoli danno vita a questi manufatti per la casa e la cucina, tra i più famosi del paese e dell’intero sub-continente.
Il ruolo principale nella produzione, e soprattutto nella trasmissione del sapere, è affidato alle donne, mentre gli uomini sono impiegati saltuariamente in agricoltura, in una regione come il Tolima in cui le aspirazioni di riforma agraria e redistribuzione delle terre sono storicamente andate deluse. Le donne, oltre a prendersi cura della famiglia, portano avanti la tradizione della ceramica nera come indispensabile fonte di reddito.
-> Perché è nata Artesanias La Chamba
Quasi tutti i laboratori artigianali familiari del villaggio La Chamba producono conto terzi, per commercianti o esportatori, poiché è difficile svolgere attività commerciali e logistiche in autonomia, anche per mancanza di risorse e di conoscenze specifiche. La famiglia Torrijos sta provando a colmare questo gap cercando di giungere direttamente ai possibili clienti. Grazie alla partecipazione a Expo Artesanias è riuscita a entrare in contatto con clienti colombiani e stranieri e ora i Torrijos stanno muovendo i primi lenti passi nel mondo del commercio internazionale.
Nel laboratorio lavorano 10 membri della famiglia e, in base a alla quantità di lavoro anche a altre cinque famiglie di colleghi e amici del paese. Tutti vengono pagati con un anticipo del 50% all’ordine e il saldo alla consegna. Il compenso è calcolato al pezzo, in funzione di difficoltà e dimensione. A tutte le artigiane/i, familiari o meno, a fine anno vengono dati regali e premi in danaro in funzione di quantità e qualità della produzione.
L’obiettivo primario è quello di provvedere gli artigiani coinvolti di un costante flusso di ordini nel corso dell’anno e di una remunerazione dignitosa.

-> Materie prime e processo produttivo
L’argilla usata è totalmente naturale e proviene dal Rio Magdalena. Nella lavorazione non viene aggiunta nessuna vernice o pigmento. Il tipico colore nero è il risultato della fumigazione con la pula di riso che avviene durante il lungo processo di cottura.
Con l’obiettivo di proteggere l’ambiente, diverse organizzazioni governative hanno stimolato e in parte sussidiato l’impianto di forni a gas per sostituire, almeno in parte, l’utilizzo dei tradizionali forni a legna. I Torrijos hanno impiantato un forno a gas che usano costantemente, anche se per alcune produzioni specifiche ricorrono ancora a quello a legna per questioni di qualità.
Artesanias La Chamba lavora nel rispetto degli standard tecnici forniti da INCOTEC, il principale ente di certificazione del Paese e ha una certificazione di qualità rilasciata da Artesanias de Colombia. Noi, inoltre, abbiamo fatto testare tutti i prodotti da laboratori italiani che ne hanno verificato la qualità, l’assenza di metalli pesanti e la conformità all’utilizzo alimentare.

-> I prodotti: caratteristiche, modo d’uso e di manutenzione
Tutti i prodotti La Chamba possono essere utilizzati per cucinare e per essere a contatto con gli alimenti: la terracotta con cui sono realizzati è refrattaria, quindi possono essere usati sul fornello (meglio se con un frangifiamma), nel forno e nel microonde.
Prima del primo utilizzo è necessario lavare a mano l’utensile in terracotta nera di La Chamba con acqua e detersivo, utilizzando una spugna morbida e non abrasiva.
Dopo la cottura, una volta tolta la pentola dal fuoco non metterla immediatamente sotto l’acqua fredda, ma lasciarla raffreddare naturalmente, perché la terracotta non sopporta i cambiamenti repentini di temperatura.
Dopo ogni uso lavare a mano con una spugna morbida e senza l’uso di oggetti abrasivi.

SCARICA LA SCHEDA IN PDF

-> GUARDA I PRODOTTI

La nuova tisana Brahmi – Ayurvethica


È nata una nuova tisana della linea Ayurvethica: Brahmi, frutto di più di un anno di ricerca, sviluppo e lavoro con il supporto tecnico della dottoressa Rita Pecorari, biologa, esperta di prodotti fitoterapici e nutraceutici. Ne siamo molto fieri: è una tisana davvero speciale, sia per la sua funzione, favorisce la concentrazione e il benessere mentale, sia per il suo sapore caratterizzato da una profumata nota di vaniglia. Come tuttele altre tisane Ayurvethica è 100% biologica e etica.

Brahmi è la tisana specifica per la concentrazione e il benessere mentale, delicata e fragrante e aiuta nei periodi intenso studio e lavoro. Nello specifico:
-> migliora le funzioni cognitive
-> favorisce la concentrazione
-> svolge una funzione antiossidante
-> svolge una funzione tonica in caso di stanchezza fisica e mentale

Vediamo gli ingredienti caratterizzanti:
Rooibos – Aspalathus linearis (foglie e fiori): è ricco di vitamina C e minerali quali magnesio, calcio, fosforo, ferro, fluoro, potassio. Proprietà antiossidanti e protezione dagli effetti di eccesso di radicali liberi
Mate – Ilex paragauriensis (foglie): è ricco di vitamina C, flavonoidi e acido clorogenico, ha proprietà anti ossidanti e stimolanti sul sistema nervoso centrale, sull’apparato cardiovascolare e sul metabolismo.
Bacopa – Bacopa monnieri (fiori, foglie, rizoma) : facilita la sintesi neuronale, migliora la trasmissione dell’impulso nervoso. Svolge un’azione antiossidante nell’ippocampo, nella corteccia frontale, nello striato.
Cannella – Cinnamomum verum (corteccia) : ha un’azione antiossidante di contrasto alla produzione di radicali liberi
Zenzero- Zingiber officinalis (rizoma) : favorisce la regolare funzionalità del sistema gastrointestinale e di quello cardiovascolare, allentando gli stati di tensioni localizzate aiuta la distensione e il rilassamento muscolare. Nella tisana Brahmi svolge anche una funzione aromatizzante.
Vaniglia- Vanilla planifolia (frutto) : favorisce il metabolismo dei carboidrati. Nella tisana Brahmi svolge anche una funzione aromatizzante.
Stevia- Stevia rebaudiana (foglie) Contribuisce a dolcificare delicatamente e in modo completamente naturale la tisana.

Novità anche dal punto di vista dei produttori: entrano a far parte dei nostri partner per Ayurvethica anche Josenea, da cui acquistiamo l’eucalipto per la tisana Malabar e la stevia per la tisana Brahmi, e Les Jardins de Gaïa per rooibos (tisana Brahmi e line aAfrotea), mate (tisana Brahmi), ibisco (Ashwa, Manduka, Malabar, Brihat).
Josenea è un’organizzazione non profit spagnola dedicata all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate.
Josenea si occupa di coltivazione biologica e di trasformazione di piante officinali, cura, preservazione e rimboschimento delle zone boschive circostanti, comprendendo attività di giardinaggio e raccolta rifiuti organici per la produzione di compost.
Les Jardins de Gaïa è un’impresa che ha scelto fin dalla sua fondazione nel 1994 di selezionare esclusivamente materie prime da agricoltura biologica e di supportare diversi gruppi di produttori in giro per il mondo nel processo di conversione e certificazione.
Progressivamente ha fatto la cselta di rivolgersi a produttori certificati Fairtrade e accompagnare diversi gruppi nel processo di certificazione. Dal 2016 è membro di WFTO.

La nuova collezione PE Trame di Storie 2019


Una nuova collezione sorprendente e colorata: Walkabout raccoglie e mixa immagini e colori, esplora con la mente e con i sensi, con le mani ancor prima che con i passi.
Meravigliosi i nuovi tessuti come cotone goffrato Seersucker a stampa floreale, cotone operato con lavorazione a righine, madras di cotone in bianco e azzurro con ricamo, cotone lucido melange, jacquard a pois. Tornano per l’estate i freschi seta-cotone e seta-lino.
La bellezza dei tessuti è esaltata dalla lavorazione sartoriale che dà risalto ai dettagli: tagli asimmetrici e cuciture di sbieco, ricami e intarsi per capi che scivolano addosso come un abbraccio e valorizzano con grazia ed eleganza il corpo di chi li indossa.
La collezione è realizzata da 3 produttori: Artisan Hut, Craftlink, Auromira.

LEGGI E SCARICA LA PRESENTAZIONE DELLA COLLEZIONE
GUARDA IL LOOKBOOK

#5torevolution: la nostra challenge per il Fashion Revolution Day


Il 24 aprile 2019 sarà il sesto anniversario della strage del Rana Plaza e noi aderiamo al Fashion Revolution Day per ricordare le vittime e dire NO a un sistema moda che crea schiavi, distrugge risorse, rovina la terra.
Quest’anno per dare più forza a questo messaggio abbiamo unito le forze con Altromercato e Equo Garantito (guarda qui): insieme il commercio equo può far sentire la sua voce e proporre un’alternativa concreta!
Per far sentire la nostra posizione e magari coinvolgere il maggior numero di persone abbiamo anche pensato a una piccola attività: una challenge, cioè una sfida per riflettere su ciò che indossiamo ogni giorno.
L’abbiamo chiamata #5torevolution, perché ti proponiamo 5 modi di vestire etico e responsabile. Puoi farla in 5 giorni, ogni giorno un modo diverso, oppure tutti insieme. Se ti va poi pubblica la foto sui social con l’hashtag #5torevolution e magari cita anche noi di @altraqualita, @altromercato e @equogarantito. Oppure puoi inviare la foto a noi che la pubblicheremo sulla nostra pagina facebook insieme alle nostre (guarda qui l’anno scorso quanti hanno fatto Fashion Revolution con noi).
Prima di darti le “istruzioni” per la challenge ci teniamo a spiegarti che non si tratta di un giochino per dare visibilità sui social, ma è una sorta di esercizio a non dare per scontato quello che indossiamo, ma al contrario a farci caso non solo dal punto di vista estetico. Come dice il motto del Fashion Revolution:
BE CURIOUS, FIND OUT, DO SOMETHING!

CHALLENGE #5TOREVOLUTION – COME PARTECIPARE
1. segui le proposte qui sotto (per leggere meglio clicca sull’immagine)
2. se vuoi, fotografati (tutti i giorni, una volta sola, quando vuoi)
magari con il cartello del Fashion Revolution
2. pubblica l’immagine con #5torevolution
e tagga @altraqualita, @altromercato, @equogarantito
3. coinvolgi tutti!

I segreti dei bijoux in resina di Equilibrio Diseño


La base dei prodotti di Equilibrio Diseño è la resina sintetica (resina di poliestere), un materiale impiegato in diversi ambiti creativi, dal design, alla moda fino all’architettura, molto versatile anche perché in origine è trasparente con una leggera sfumatura rosa.
La lavorazione
Le linee di bigiotteria di Equilibrio Diseño sono realizzate in modo completamente artigianale: gli operatori versano la resina, addizionata del colore prescelto e di un catalizzatore, in stampi metallici di circa 50 cm di lato, autoprodotti nel laboratorio.
A seconda della complessità del disegno l’operazione con lo stampo viene ripetuta fino a 3 volte. La modalità più semplice prevede di mescolare i colori all’interno dello stampo in maniera più o meno casuale. In tal modo il risultato sarà già definitivo dopo il primo passaggio, a cui segue l’essiccazione (all’aria o in forno a circa 80° per due ore) e la lucidatura, che a seconda del grado di brillantezza richiesto può andare da 4 passaggi (con una levigatrice elettrica manuale di grana sempre più fina, per i pezzi più complicati si richiede una levigatura manuale) a 6 passaggi.
I disegni più complicati (la maggior parte di quelli da noi richiesti) richiedono tre passaggi nello stampo. Dapprima vengono prodotti una serie di stampi, tanti quanti i colori presenti nel disegno. Una volta asciugata la resina viene tagliata, con una sega circolare, a pezzetti nella forma e dimensione necessaria, levigata, rimessa nello stampo a comporre il disegno desiderato “in negativo” e infine ricoperta di resina liquida e messa nuovamente ad essiccare. Anche questo quadrato di resina viene tagliato con la sega circolare, i pezzi vengono levigati nuovamente e disposti nello stampo a dare l’aspetto definitivo prima della produzioni dei monili. Il tutto viene nuovamente coperto di resina trasparente e posto ad essiccare.
La fase finale prevede il taglio dei pezzi nella forma definitiva da dare al monile, la foratura per inserire ganci o anelli ed infine la levigatura fino alla completa lucidatura con una spazzola elettrica.

Per completare gli stampi più complicati può essere necessaria oltre una settimana. Una volta terminati i pezzi si procede alla montatura del monile e al confezionamento.

Dunque, come si diceva in principio, si parte da una materia prima sintetica ma il processo è assolutamente creativo e artigianale, tanto che non esistono due pezzi identici.

-> I BIJOUX IN RESINA